top of page
  • Immagine del redattoreIl Ricordo di Sé

il tipo venusiano

Scendendo lungo la linea tracciata dall’Enneagramma, il tipo seguente, il Venusiano, si trova al punto 4. Per i greci e romani - e per molti popoli prima di loro - Venere era la dea dell’amore, sia nell’aspetto di piacere che in quello di fertilità. Tra i pianeti del sistema solare è il più simile, sia per dimensione, sia per lunghezza del suo ‘anno’ (periodo di rotazione attorno al Sole) alla Terra. Per questo si dice che il tipo venusiano si trovi a suo agio sul nostro pianeta. Le caratteristiche fisiche del venusiano sono morbide, con labbra carnose, zigomi alti. Spesso i maschi hanno abbondanza di capelli e barba. Lo sguardo è pacifico e accogliente. Il venusiano ama ‘sporcarsi’, sceglierà mestieri sensuali come il cuoco, il giardiniere, per essere a contatto con le materie prime della Terra. È un tipo positivo e passivo. Se per il lunare la risposta da aspettarsi a molte richieste è “no”, per il venusiano è “sì” (attenzione, entrambe le risposte sono meccaniche). È anche adatto a prendersi cura delle persone: sarà un buon infermiere, massaggiatore, terapeuta, poiché è sensibile all’energia degli altri, emana energia positiva e assorbe quella negativa. Sa ascoltare e le persone non si sentono minacciate da questo tipo. La parte del corpo che reagisce al pianeta Venere sono le Paratiroidi, che sono poste nel collo ai lati della tiroide, e ne inibiscono l’azione. La Tiroide stimola parecchi tipi di attività, e le paratiroidi smorzano questa energia. La caratteristica o debolezza principale tipica del tipo venusiano è chiamata ‘non esistenza’. La non esistenza è la tendenza a non elaborare le impressioni; è una estrema passività nei confronti delle influenze esterne. Il venusiano è un po’ ‘sedato’. Non a caso parecchi individui di questo tipo amano sostanze stimolanti come il caffè o il peperoncino, che utilizzano per poter essere più attivi. La non esistenza porta a vivere attraverso gli altri. Il venusiano si ‘nutre’ dell’energia emanata da altri tipi più attivi - e ne diventa spesso dipendente. Questo potrebbe portarlo a essere un seguace piuttosto che un leader. Per vincere questa caratteristica in essenza (vale per tutte le caratteristiche e tutte le essenze) occorre essere presenti. Ricordate che queste descrizioni dei tipi sono delle generalizzazioni, e che innumerevoli varianti esistono in natura. È come se dicessi che una determinata razza di cani ‘tende ad essere aggressiva’: certamente, e giustamente, riceverei risposte da padroni di quei cani che dimostrano che il loro non è affatto aggressivo… nella realtà le cose si mischiano e sfumano, questo è uno schema. Nell’immagine potete vedere una classica raffigurazione morbida e sensuale, tipicamente venusiana.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page