top of page
  • Immagine del redattoreIl Ricordo di Sé

Considerazioni sulle emozioni negative

Oggi condivido con voi un estratto di un articolo di un anziano studente della nostra scuola:

"Le emozioni negative sono sempre basate sull'immaginazione, e parte di quella immaginazione è l'idea che le cose potrebbero essere differenti da quelle che sono, che il mondo potrebbe essere differente.

Esse sono un modo per la macchina per non vedere il fatto ovvio che il mondo è semplicemente quello che è. È inoltre un modo di respingere la realizzazione che 'l'uomo non può fare', che le cose accadono. Immaginiamo di fare, di controllare le nostre vite, di organizzare le cose, di potersi dare uno scopo e poterlo raggiungere, di poter intraprendere un'azione e sapere come andrà a finire - tutto questo è immaginazione.

Quando gli eventi non vanno nel modo che ci aspettavamo, diventiamo negativi. Così vediamo il come sono andate le cose, come qualcosa di speciale, o inusuale, e sentiamo che davvero gli eventi sarebbero dovuti andare nel modo che volevamo, ma che qualcuno ha fatto qualcosa di sbagliato. Come tutti i respingenti, questo ci impedisce di vedere la verità.

È necessario stare attenti a non permettersi di diventare negativi per la propria meccanicità.

La vera fonte della negatività è sempre dentro di noi. Non sono gli eventi a renderci negativi; sono le nostre debolezze che ci permettono di diventare negativi. Dobbiamo comprendere questa idea profondamente. Se gli eventi esterni potessero davvero renderci negativi, allora non potremmo fare nulla al riguardo. Ma quando verifichiamo che la negatività è solo qualcosa di interiore, comprendiamo che la scelta di diventare o meno negativi è in nostro potere.

Una delle ragioni per cui ci permettiamo il lusso di diventare negativi è che pensiamo che il tempo sia illimitato. Se sapessimo di morire domani non sprecheremmo il nostro tempo con la negatività oggi. Ma uno dei principali respingenti al nostro sonno è che dimentichiamo che moriremo. Come conseguenza ci permettiamo di sprecare il nostro tempo in un sacco di attività inutili o pericolose.

Qualcosa dentro di noi desidera essere negativo. Ovviamente, non appena smettiamo di pensarci, realizziamo che nessuna persona sana di mente sceglierebbe di essere negativa. Nessuno si sveglia la mattina, guarda fuori dalla finestra, e dice: 'Che bella giornata, oggi voglio proprio auto commiserarmi!' Però possiamo probabilmente tutti ricordare di occasioni in cui abbiamo fatto proprio quello.

A volte è utile vedere che, così come siamo, siamo pazzi. Che non ha davvero senso. Non serve comprendere come la macchina sia diventata in quel modo. Ciò che dobbiamo fare è cercare di vedere quello che siamo adesso - vederlo per poi separarsene.

Qualcuno esprime negatività con il silenzio, qualcuno andando a fare shopping. Per qualcun'altro sarà mangiando - finendo una scatola di cioccolatini perché si è depressi. Per altri dormire è un modo di respingere la propria infelicità.

Riso e lacrime sono un respingente del centro istintivo. Distolgono l'attenzione dalla sofferenza. In questo modo rilasciano pressione, tensione, che si crea con la sofferenza. Piangere può dare un'illusione che la sofferenza sia reale. In qualche modo è parte del processo attraverso cui la falsa personalità può appropriarsi di essa. La falsa personalità può dire: 'Vedi quanto sto soffrendo! Com'è terribile! Come hai potuto farmi questo?!' probabilmente questo è il motivo per cui questo continua ad accaderci.

Quando cominciamo a vedere tutto questo, cominciamo a realizzare quanto la vita sia strana, e quanto siamo addormentati, poiché accettiamo tutto questo come normale, ragionevole. Ci vogliono anni di lavoro per realizzare tutto questo davvero. Verificare di essere una macchina è uno strumento molto potente contro la negatività. Quando cominciamo a verificare che le altre persone non possono agire in modo differente da come agiscono, cominciamo a capire che anche noi possiamo agire solo nell'unico modo in cui agiamo.

Allora non c'è niente per cui essere negativi. Perché dovremmo essere negativi per un treno che va sempre lungo lo stesso binario?"

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page