top of page
  • sergiosessini

Elenchi




Per risvegliarsi occorre volerlo. Occorre volerlo tanto. Se abbiamo altre priorità davanti a questo scopo, sarà difficile.

E nemmeno volerlo come prima cosa è sufficiente. Grazie al fatto che siamo scomposti in tanti io, questa priorità non rimarrà priorità a lungo. Perderà presto di intensità e, se non curata come una piantina fragile, morirà, verrà completamente dimenticata, oppure stravolta fino a diventare il suo opposto.

Il risveglio non è per tutti. Le forme relative di risveglio, quelle che ci fanno consapevoli di un elemento o due nella nostra psicologia che disturba la nostra quiete, o che minimizzano certe negatività estreme, certe identificazioni, non sono risveglio: sono paragonabili a un sonno disturbato da sogni agitati rispetto a uno profondo e senza sogni.

Neanche volerlo troppo, in maniera ossessiva, con lo sguardo del militare che si prepara alla guerra, che è disposto a sacrifici estremi, funzionerà. La presenza è uno stato delicato e leggero, si disfa a un tocco pesante.

Occorre attenzione, astuzia, desiderio, creatività, sincerità, intensità, continuità, esempio, tempo, fortuna e aiuto.

Il lungo elenco che ho appena fatto tenderà a passare inosservato, vi invito tuttavia a soffermarvi su ogni termine. Cosa significano veramente e perché sarebbero necessari?

Abbiamo bisogno di accumulare il più possibile elementi favorevoli, e di disfarci il più possibile di quelli limitanti. Abbiamo bisogno di esperienze di presenza per creare presenza - occorre oro per fare oro. Abbiamo bisogno di porre l’esigenza di risvegliarsi davanti a ricchezza, comodità, popolarità, reputazione, abitudini, cultura, dubbi e convinzioni. Abbiamo bisogno di tornare bambini curiosi delle cose, in ogni momento: bellissimo, banale, o di sofferenza. Abbiamo bisogno di rintracciare la parte reale in noi (questo richiede tempo, facile sbagliare: non è il nostro talento, la nostra intelligenza, le nostre emozioni, il nostro modo di pensare, la nostra scala di valori, la nostra competenza: tutto ciò che è nostro non è reale e tutto ciò che è reale non è nostro).

Una volta riconosciuta, abbiamo bisogno di ricordare che noi siamo quello.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page