top of page
  • Immagine del redattoreIl Ricordo di Sé

La cravatta e la gonna

In occasione degli eventi cosiddetti formali, agli studenti della nostra scuola è richiesta una certa intenzionalità anche nel vestire. In particolare, indossare una cravatta o un ornamento al collo per gli uomini e una gonna o un vestito per le donne. Ho verificato che per i nuovi o coloro che stanno ancora valutando di entrare nella scuola questo esercizio di per sé semplice, ha in realtà effetti sorprendenti, ben oltre il suo valore nominale. Di fatto, questo piccolo esercizio ci costringe da subito a vedere qualcosa del nostro ritratto immaginario o della nostra falsa personalità. Per alcuni sarà la cosa più normale del mondo, si presenteranno eleganti e con tutti gli accessori giusti, suggeriti dal gusto personale, dall'educazione familiare o da una professione di stampo tradizionale. Altri si adegueranno facilmente, rispolverando abiti che non usavano da qualche tempo e tenevano chiusi nell'armadio per le occasioni speciali, preferendo un'abbigliamento più comodo e informale. Altri ancora supereranno con relativa facilità o con poco sforzo una qualche resistenza iniziale. Perché la cravatta o la gonna? Cosa hanno a che fare questi dress code sociali con il lavoro spirituale? Questi o altri generi di obiezioni verrano sollevati dalla macchina. Il fastidio sarà palpabile, ma non così forte da non poterlo tenere a bada, se ne vale la pena.

Da qui inizia la scala di coloro per cui questo rappresenterà un ostacolo, sempre più grande, fino a diventare una ragione per non fare il passo. E anche per coloro che troveranno la motivazione per farlo, costituirà comunque uno sforzo significativo, un sacrificio.

È vero, le persone che riescono a superare l'ostacolo stanno di fatto sacrificando qualcosa. Identificazione, ritratto immaginario, parti fondanti della propria meccanicità devono essere lasciate indietro.

Per alcuni, il codice di cravatta o gonna simboleggia un'imposizione, quasi un abuso di potere, a cui si sono ribellati. E chissà con quale pagamento. Senza entrare in dinamiche psicologiche che non conosco, comprendo tuttavia quanto possa essere difficile mettere da parte tutto questo per affrontare l'esercizio con un atteggiamento nuovo. Separarsi dagli io e vedere che cosa succede.

Cosa accade in me quando mi preparo intenzionalmente per un incontro formale? Quali gruppi di io incontrerò, quali parti della macchina, per esempio i re, dovrò imparare a usare? Come mi sentirò indossando una camicia o un vestito invece che una maglietta? In che modo questo influenzerà il mio atteggiamento? Che tipo di impressione sarò per gli altri studenti? Con quali effetti?

Un atteggiamento intenzionalmente aperto, che sospende il giudizio e si limita a osservare, è fondamentale per il lavoro. Non sempre è un luogo facile da raggiungere e può magari richiedere un avvicinamento graduale, ma nella mia esperienza non solo ne vale la pena, ma spesso è l'unica strada possibile. Dove non c'è sforzo, probabilmente c'è sonno.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


bottom of page