top of page
  • Immagine del redattoreIl Ricordo di Sé

la luna e gli 'io'

Per ragioni di spazio non mi soffermerò oggi sulle cause. Mi limiterò ad affermare che le fasi lunari hanno un’influenza sugli ‘io’. La luna è stata paragonata a un pendolo, che oscilla tra le fasi estreme di luna piena (dove si trova opposta al sole e ne riceve la massima luce) e di luna nuova (dove si trova tra noi e il sole, apparendo così in ombra). Oggi, ad esempio, è quasi piena.

Circa due giorni prima e fino a due giorni dopo queste due estreme fasi, se prestiamo attenzione possiamo notare una oscillazione anche nei nostri ‘io’. Diventano più estremi. Improvvisamente non ci svegliamo sereni, forse abbiamo fatto brutti sogni. Alcune idee che di solito non ci vengono, fanno improvvisamente capolino. E se mi licenziassi e cambiassi vita? E se telefonassi al mio ex che non vedo da vent’anni? Proviamo ad essere presenti, magari a praticare qualche esercizio che abitualmente facciamo - ma è molto più difficile del solito. È più possibile avere ‘io’ di scoraggiamento, oppure deprecazione, giudizio, irritazione. Non solo sono più nervoso, ma anche gli altri attorno a me lo sono. Con tutti più vicini alla soglia di irritazione, litigi sono più possibili.

La parte in noi influenzata dalla luna è l’essenza. Le persone che sono abitualmente a contatto con la natura e con l’essenza - contadini, pescatori, marinai, ad esempio - hanno imparato da sempre a prendere in considerazione con grande serietà le fasi lunari. Ho notato che anche gli strumenti elettronici le risentono. Chi è completamente in personalità, invece, potrebbe non accorgersene nemmeno. Non che non ne sia affetto, ma ne è affetto in parti che non è abituato a considerare.

È in questi momenti che torna utile la disciplina che abbiamo creato per noi stessi, fatta di piccoli esercizi quotidiani. In particolare, diventa impellente il non esprimere emozioni negative. Ricordarsi che questo strano fenomeno per cui ‘io’ mi sento particolarmente irritato, e ‘proprio oggi’ pure gli altri sono particolarmente irritanti, è passeggero, ed anzi essenziale per creare un certo attrito, una scomodità necessaria ad accendere quel ‘fuoco’ emozionale di cui abbiamo bisogno per svegliarci.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page