top of page
  • gbardazzi

La Necessità di Aiuto Esterno


Leggo una frase di Rodney Collin:

"È impossibile per l'uomo arrivare a stati superiori con il suo solo sforzo."

Quello che ci dice è vero su scale differenti. È un principio della Quarta Via che da soli possiamo fare poco per l'evoluzione, che abbiamo bisogno di altri che fanno lo stesso lavoro, possibilmente di un maestro che ci guidi, di una scuola.

A un certo punto questo appare evidente, se si ha un desiderio di procedere nella nostra avventura interiore, di andare oltre...oltre cosa? Questo è il punto, credo: il centro magnetico ci spinge in una direzione che non conosciamo, cerchiamo ma non sappiamo cosa stiamo cercando - la felicità potremmo dire, e nella sua ricerca passiamo attraverso le varie identificazioni, le 'piccole felicità', destinate a farci vedere che ciò che cerchiamo è oltre: è l'esperienza degli stati superiori di consapevolezza, che poco hanno a che vedere con il lavoro che abbiamo, quanti soldi guadagnamo, la famiglia che abbiamo, o che non abbiamo, i viaggi che facciamo, le gratificazioni, o le delusioni.

Se esperienze dei centri superiori sono disponibili a tutti, esse ci devono venire mostrate, dobbiamo imparare a riconoscerle, così come si impara a riconoscere un aroma sottile in un buon vino, poiché sono spesso labili, o scomode per i centri inferiori. Questo non si spiega a parole, è un insegnamento diretto, una condivisione.

Anche circondati da persone che ci accompagnano nel nostro cammino, con un maestro e una scuola, il principio non viene meno. C'è ancora bisogno di aiuto.

Ouspensky a un certo punto espresse questo principio quando disse che 'è necessario fare tutti gli sforzi necessari, ma alla fine...' non disse più nulla, semplicemente indicò con un dito verso l'alto.

A un certo punto, nel lavoro, è necessario relazionarsi all'influenza C, perché la soluzione è sempre a un livello superiore.

Sono stato ad Atene negli ultimi giorni. Era molto bello camminare intorno all'Acropoli, sulle strade lastricate di pietre antiche di marmo bianco. Era emozionante pensare che Socrate, o Platone, o altri esseri consci percorrevano probabilmente quei sentieri, più di duemila anni fa, in mezzo a quella bellezza, eco di piani superiori di esistenza.

Ho pensato che forse l'influenza della cultura greca sui secoli seguenti dipende principalmente da questo: non c'è stata, credo, civiltà che, come quella greca, aveva un rapporto così profondo e quotidiano con gli dei. Tutto dipendeva da loro, tutto era per loro.

Ricordarsi che ogni cosa dipende dall'influenza C è una dimensione del ricordo di Sé. Ci inserisce in una dimensione più grande dei nostri piccoli io - pigmenti di colore del disegno dell'Assoluto.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page