top of page
  • Immagine del redattoreIl Ricordo di Sé

William Blake

Fate la conoscenza di un uomo conscio: William Blake.

Per ora non ne dirò molto, se non che fin da bambino dichiarò di avere visioni e di vedere angeli.

Fu poeta, scrittore, aforista e illustratore. Abbiamo pubblicato diverse sue tavole nei nostri post. Alcune raccolte di poesie uniscono testo e immagine.

Non sempre le sue parole sono comprensibili su un piano strettamente razionale. È un linguaggio dell’uomo numero cinque, visionario, difficile da tradurre in parole.

Vi lascio ad alcune tra le sue più famose poesie e aforismi.

Gli auguri dell’Innocenza

Vedere un Mondo in un granello di sabbia,

E un Cielo in un fiore selvatico,

Tenere l'Infinito nel cavo della mano

E l'Eternità in un'ora.

Eternità

Chi lega a sé una Gioia

Distrugge la vita alata;

Ma chi bacia la Gioia in volo

Vive nell'alba dell'Eternità.

Le ore della follia sono misurate dall'orologio, ma quelle della saggezza nessun orologio le può misurare.

Chi non ha luce in viso, mai potrà essere stella.

Quando le porte della percezione si apriranno tutte le cose appariranno come realmente sono: infinite.

Una verità detta con cattiva intenzione batte tutte le bugie che si possono inventare.

Ero arrabbiato con il mio amico: io glielo dissi, e la rabbia finì. Ero arrabbiato con il nemico: non ne parlai, e la rabbia crebbe.

L'uomo non ha un corpo separato dall'anima. Quello che chiamiamo corpo è la parte dell'anima che si distingue per i suoi cinque sensi.

Lo stolto non vede un albero allo stesso modo del saggio.

L'Eternità è innamorata delle opere del tempo.

Le ore della follia sono misurate dall'orologio, ma

quelle della saggezza nessun orologio le può misurare.

Coltiva la pietà, non chiuder fuori l'angelo.

Non cercar mai di dire il tuo amore

Amore che giammai può essere detto

Perché il vento gentile trascorre

Silente, invisibile.


0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page